Open Day, un successo. Un punto fermo da cui ripartire

Open Day, un successo. Un punto fermo da cui ripartire

E’ stato un successo. Quindici i volti nuovi che hanno aderito all’appello«Venite a provare con noi» lanciato dalla Waterpolo Columbus Ability e dai Nuotatori Genovesi. Stamane alle piscine di Albaro si è consumato l’open day riservato ai disabili. Tanta gioia fra i presenti, che l’organizzazione ha omaggiato in collaborazione con Banco BPM, San Carlo e Basko Supermercati. Ed al termine della mattinata non poteva mancare la focaccia offerta gentilmente dal Panificio Paolin di Genova Nervi.

Emozionante vedere i campioni del mondo Alessandro Velotto e “Chalo” Echenique con Francesco Massaro, tutti targati Pro Recco, incitare i ragazzi in vasca. Ma ancor di più è stata la presenza del “campione” per eccellenza Francesco Bocciardo (oro nei 100 e 200 stile pochi giorni fa ai mondiali di Londra), che, accompagnato dal suo coach Luca Puce, non ha mancato all’appuntamento. E poi a dare una mano sono arrivati anche i ragazzi dell’Aquarium di Davide Gogna da Ronco Scrivia, che, insieme alle ragazzine della Locatelli guidate da Stefano Carbone e ai ragazzi delle giovanili del Quinto, hanno affiancato i neo pallanuotisti in vasca.

«E’ stato emozionante, bello da vedersi. Mi ha colpito la gioia dei ragazzi contenti di buttarsi in vasca- commenta Elisa Casanova, presidente dei Nuotatori Genovesi-. Anzi abbiamo dovuto tenerli perché non tutti hanno un buon galleggiamento». Già perché nei vari turn over c’è stato chi ha anche fatto il “furbetto” restando sempre in acqua. E questo la dice lunga su come fatica e difficoltà influiscano su questi ragazzi.
«Purtroppo troppe famiglie che hanno già un problema da gestire, evitano lo sport – spiega Francesco Grillone, presidente della WP Columbus-. A distanza di quindici mesi dalla nostra costituzione, ho riscontrato che i ragazzi vuoi per la frequentazione della squadra, vuoi per il piacere di giocare, sono cresciuti, superando difficoltà fisiche e mentali in modo sorprendente».

Sotto gli sguardi del mito Gino Severino, degli ex campioni del mondo in acque libere Gaia Naldini e Luca Baldini e di Stefano Anzalone, consigliere comunale con delega allo sport, oggi la scommessa è stata vinta per il buon numero di presenze.
«La pallanuoto ha molto aiutato i ragazzi – racconta Arianna Rispoli, psicologa della Columbus -. Da subito abbiamo riscontrato che c’erano timori ad affrontare il gioco collettivo. E proprio questo aspetto è stato da noi privilegiato anche fuori dalla vasca, riunendo i ragazzi prima e dopo gli allenamenti, per cercare di farli “aprire” di più, cosa che non accade a scuola e in molti altri sport. I risultati? Beh se oggi parliamo di gruppo credo che ci siano e sono più che soddisfacenti».

La Waterpolo Columbus adesso inizierà la stagione con i suoi soliti allenamenti, fra le piscine di Bogliasco e Sori, mentre i Nuotatori Genovesi continueranno la loro attività presso le Piscine di Albaro a Genova.

Foto di Giorgio Scarfì


Lascia un commento